News - Dimensione Casa

Info line 347.9850590
Vai ai contenuti

Agenzia delle Entrate: nuove e interessanti guide sulla casa

Dimensione Casa
Pubblicato da Dimensione Casa in News · 28 Novembre 2016
Tags: imposteagenziaentratecasacompravendita

ACQUISTO E VENDITA

Formalità sugli immobili
Effettuando un'ispezione ipotecaria è possibile visionare i dati riguardanti le tipologie di "formalità" presenti nei Registri immobiliari:
trascrizioni: vengono effettuate quando si trasferisce (per esempio una vendita) o si costituisce un diritto (per esempio l'usufrutto) su un bene immobile.
 
Iscrizione: fa seguito alla costituzione di ipoteche su immobili derivanti, per esempio, da contratti di finanziamento (mutui)
 
Annotazione: è fatta alla modifica di precedenti trascrizioni, iscrizioni o annotazioni (per esempio, le cancellazioni di ipoteche e di pignoramenti)

Contratto preliminare

Il contratto preliminare costituisce un accordo tra venditore e compratore con il quale essi si obbligano reciprocamente a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita. Il trasferimento del diritto di proprietà sull'immobile si avrà solo con la firma di quest'ultimo. Il contratto preliminare di compravendita deve essere registrato entro venti giorni dalla sottoscrizione.

Per la registrazione sono dovute:
l'imposta di registro di 200 euro, indipendentemente dal prezzo della compravendita.
L'imposta di bollo, pari a 16 euro ogni 4 facciate e comunque ogni 100 righe.
Se il preliminare è stipulato con atto notarile, la registrazione viene eseguita dal notaio entro trenta giorni.
Quando il contratto prevede un pagamento, è dovuta l'imposta proporzionale di registro, pari a:
0,50% sulle somme previste a titolo di caparra confirmatoria
3% delle somme previste a titolo di acconto sul prezzo di vendita
In questi casi, dall'imposta dovuta per la registrazione del contratto definitivo sarà poi detratta quella pagata sul preliminare.

Imposte
Le imposte da versare in caso di acquisto di una nuova casa variano in funzione di alcuni fattori:
se il venditore è un privato, la vendita è assoggettata all'imposta di registro del 9% e alle imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 euro ciascuna;
se il venditore è un'impresa, a seconda dei casi, la cessione potrà essere:
o esente da Iva, con l'imposta di registro pari al 9% e le imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 euro ciascuna o soggetta a Iva, con l'aliquota del 10% (o del 22% per le abitazioni di lusso)e imposte di registro, ipotecaria e catastale pari a 200 euro ciascuna.

Imposte prima casa
Se chi acquista ha i requisiti per usufruire delle agevolazioni "prima casa", le imposte sono dovute in misura ridotta e cioè:
nel caso di acquisto da privato (o da impresa, ma con vendita esente da Iva)
o imposta di registro pari al 2%, con un minimo di 1.000 euro
o imposta ipotecaria fissa di 50 euro
o imposta catastale fissa di 50 euro
nel caso di acquisto da impresa, con vendita soggetta a Iva:
o Iva al 4%
o imposta ipotecaria fissa di 200 euro
o imposta catastale fissa di 200 euro
o imposta di registro fissa di 200 euro




Torna ai contenuti