News - Dimensione Casa

Info line 347.9850590
Vai ai contenuti

Compravendite e affitti: quando è obbligatoria la documentazione di conformità degli impianti

Dimensione Casa
Pubblicato da Dimensione Casa in News · 19 Settembre 2014
Tags: documentazioneconformitàimpianti

Breve vademecum illustrativo sui casi in cui risulta obbligatorio per il venditore e il locatore di un immobile consegnare all’acquirente e al locatario la documentazione sulla conformità degli impianti alle norme vigenti.

Di frequente ci si chiede se sia sempre obbligatorio consegnare la documentazione che attesti che gli impianti (elettrico, idrico, condutture gas ecc.) esistenti in un immobile siano conformi alle prescrizioni di legge.

Tale obbligo è stato introdotto dalla legge per consentire una pronta ed agevole verifica sulla conformità alle regole dei diversi impianti esistenti in un immobile e ciò anche per evitare successive liti fra le parti su tali delicate questioni.

Innanzitutto è utile precisare che l’obbligo di consegna della documentazione che attesti la conformità alle leggi degli impianti si applica non solo alla compravendita dell’immobile, ma anche ai casi in cui l’immobile viene concesso in locazione.

Ciò premesso, va detto che il Ministero dello Sviluppo economico ha chiarito che il venditore (o il locatore in caso di locazione dell’immobile) deve consegnare all’acquirente (o al locatario) la documentazione che attesti la conformità degli impianti alle norme applicabili all’epoca in cui l’impianto medesimo fu costruito.

La sicurezza degli impianti deve infatti essere valutata in base alla loro conformità alle norme di sicurezza vigenti al momento della loro realizzazione.

Da questa importante precisazione deriva la conseguenza che solo per gli impianti realizzati dopo il 13 marzo 1990 (data di entrata in vigore della legge n. 49) è necessario che l’attestazione di conformità sia attestata da una impresa abilitata.

In tale caso, se cioè l’impianto è stato realizzato prima del 13 marzo 1990, l’attestazione di conformità non è obbligatorio che sia eseguita da una ditta abilitata.

È però consentito in via generale che venditore e acquirente (o locatore e locatario) si accordino per evitare la consegna della documentazione di conformità.

È vivamente consigliato che tale accordo di deroga sia messo per iscritto e allegato al contratto di compravendita o a quello di locazione onde evitare successive contestazioni.




Torna ai contenuti