News - Dimensione Casa

Info line 347.9850590
Vai ai contenuti

Immobiliare o real estate?

Dimensione Casa
Pubblicato da in Blog · 6 Agosto 2013
Tags: immobiliarerealestate

Quando ci si trova di fronte a un termine inglese, anche se magari si ritiene di conoscerne il significato, vale sempre la pena verificarlo su un buon vocabolario.

Vediamo cosa ci dice alla voce “real estate” il vocabolario Treccani: “loc. s.le m. inv. Il settore delle proprietà immobiliari….Espressione ingl. composta dall’agg. real (‘immobiliare’) e dal s. estate (‘proprietà, patrimonio’)”.

Naturalmente la Treccani traduce l’espressione in modo corretto. Per verificarlo andiamo a vedere come definiscono “real estate” gli inglesi (e gli americani).Consultiamo la versione online dell’Oxford Dictionary che recita “property consisting of land or buildings“.

Il nostro “immobiliare” è invece un aggettivo e secondo la Treccani significa “relativo a beni immobili“. Sempre lo storico vocabolario fornisce alcuni esempi: capitale immobiliare, reddito immobiliare, società immobiliari, agenzia immobiliare e così via. Ovviamente nel linguaggio corrente si può fare a meno del sostantivo e limitarsi all’aggettivo: “lavoro nell’immobiliare” oppure “mi occupo di immobiliare”. Vanno benissimo così senza specificare “settore immobiliare.

A questo punto abbiamo la prova che “real estate” e “immobiliare” siano esattamente la stessa cosa e usare l’espressione inglese al posto dell’italiano potrebbe essere il classico modo per darsi un tono usando una espressione inglese al posto dell’italiano. O per darsi un tocco internazionale.

Invece, non è solo questo. Nell’uso corrente, magari quasi a livello inconscio, si tende ormai a usare “immobiliare” e “real estate” in due diverse accezioni. “Real Estate” si usa quando ci si vuole riferire al segmento alto di questo settore, soprattutto per tipo di attività e volumi generati. Quindi per esempio i grandi costruttori e sviluppatori, le SGR, i fondi, i general contractor, le società di project management e via dicendo. Invece, il nostro immobiliare è relegato al segmento inferiore costituito dai piccoli costruttori, i progettisti e soprattutto le decine di migliaia di agenzie/agenti.

Come si è arrivati a questa distinzione è difficile da inquadrare. Per molti non esiste neanche. Probabilmente lo sviluppo del settore negli anni passati e il consolidamento del settore immobiliare anche in un’ottica finanziaria hanno portato gli operatori a voler/dover marcare delle distinzioni. Per molti può sembrare disdicevole essere scambiati per un agente che affitta bilocali, quando invece si lavora in una SGR che sta realizzando un nuovo quartiere. Eppure entrambi “lavorano nell’immobiliare”.

Purtroppo, questo atteggiamento porta con sé una buona dose di provincialismo. Forse perché il settore immobiliare italiano è la provincia del real estate mondiale.




Torna ai contenuti